Sicuramente sarà capitato a tutti di uscire senza le chiavi di casa, vuoi per la fretta o per la confusione del momento, accorgendosi al rientro che la porta è ormai completamente bloccata. La speranza è quella di aver lasciato a qualche amico o parente una seconda chiave, altrimenti la maggior parte delle persone deve rivolgersi ai Vigili del Fuoco.

Si tratta di una soluzione costosa, perché sebbene l’intervento è gratuito sarà necessario sostituire la serratura una volta entrati. Tuttavia esiste una soluzione, ovvero diventare dei piccoli ladri per un istante e forzare la serratura. Vediamo come aprire una porta chiusa dall’interno, per evitare danneggiamenti e chiamate di emergenza.

Tecniche per aprire una porta senza chiavi

Ovviamente per aprire una porta chiusa la difficoltà dipende dal tipo di sistema di sicurezza installato, perciò una porta blindata chiusa a chiave sarà quasi impossibile da forzare. Invece nel caso si fosse soltanto chiusa, senza girare la chiave, diventa decisamente più semplice riuscire a rientrare.

Per farlo bisogna farsi aiutare da un vicino, per reperire qualche attrezzo come una tenaglia e un cacciavite. Ad esempio molti modelli di porta consentono di smontare il blocchetto, basta fare un po’ di leva e con un minimo di manualità e accortezza si riesce a salvaguardare l’integrità della serratura. Altrimenti è necessario fare un piccolo foro, per cercare di far scattare la serratura e finalmente rientrare in casa.

Le porte che non sono blindate possono aprirsi in maniera più semplice, utilizzando una carta di plastica che non sia importante, quindi evitate di usare la carta di credito o il codice fiscale, perché potrebbero rompersi durante il tentativo. La prima cosa da fare è inserire la scheda nella fessura, al di sopra della linguetta che chiude la porta entrando nella parete adiacente.

Bisogna cercare di spingere questa parte all’interno, agendo delicatamente e senza forzare eccessivamente il movimento. Naturalmente con l’altra mano bisogna stringere la maniglia, per essere pronti nel caso si senta un piccolo scatto a spingere verso il basso e aprire la porta di casa. Non è un’operazione facilissima, però perché non tentare prima di chiamare i Vigili del Fuoco!

Infine è possibile usare una semplice graffetta di metalli, da inserire nel buco della serratura per cercare di aprire una porta chiusa dall’interno. Questo metodo è estremamente difficile, infatti richiede molta esperienza. Quello che bisogna cercare di fare è agganciare la molla, tirandola a sé e facendo quindi scattare la serratura.

Come evitare di rimanere chiusi fuori senza chiavi

Scassinare una porta è difficile, richiede allenamento e non è un’abilità necessaria, almeno che non si voglia intraprendere la carriera del ladro! Perciò il consiglio è quello di evitare tali situazioni attraverso piccoli accorgimenti. Ad esempio bisogna sempre fare almeno una copia delle proprie chiavi di casa, lasciandola ad un amico fidato o a un parente che vive in zona.

In alternativa è possibile metterla in un luogo sicuro, ad esempio nel cruscotto della macchina o della moto, oppure lasciarla in un cassetto chiuso a chiave del proprio ufficio. I più fortunati possono lasciare la chiave di emergenza al portiere o a un vicino, la soluzione migliore per rientrare nel proprio appartamento nel modo più veloce possibile.

Articoli correlati: