Casa

Fare le pulizie in casa non è mai una cosa piacevole ed avere un elettrodomestico che venga in aiuto è una grossa salvezza: per tale motivo negli ultimi anni, le vendite dei robot aspirapolvere hanno visto una forte impennata nel nostro Paese.

Rispetto a un classico aspirapolvere, il piccolo robot ha la peculiarità di fare in pratica tutto da solo ed essere semplice da usare, di ridotte dimensioni e con una manutenzione facile da eseguire da parte di ogni persona.

Il costo di tale elettrodomestico è ammortizzato soprattutto sia per la lunga durata che ha, ma anche a livello di tempo e fatica che si risparmia nel non dover pulire pavimenti e altre superfici, potendosi dedicare ad altre attività.

Caratteristiche e tipologie di robot aspirapolvere

Intanto bisogna dire cosa è questo elettrodomestico, ossia un piccolo robot movibile alimentato a batteria in grado di assorbire sporco e detriti dalle superfici, grazie a delle spazzole rotanti che spingono lo sporco poi nella “pancia ” del robot, ossia un bocchettone aspirante.

I vari modelli in circolazione sul mercato si differenziano in base alla potenza della batteria e al modo di riconoscimento dello sporco, ossia il robot può operare ad infrarossi, a contatto o a riconoscimento ottico.

Gli infrarossi (o ultrasuoni) riescono ad individuare ostacoli ed oggetti e cambiare la propria traiettoria durante il processo di pulizia sulla superficie; a contatto è il modello più classico in cui il robot si muove sul pavimento e può urtare contro gli oggetti (da spostare manualmente) fino ai modelli più avanzati, a riconoscimento ottico, che sfrutta una tecnologia più avanzata tramite una telecamera posta sul robot stesso.

Per individuare il modello più adatto alle proprie necessità, è possibile fare riferimento alla selezione di migliori aspirapolvere messa a disposizione sul portale Robotaspirapolvere.pro, che permette di confrontare le caratteristiche dei dispositivi dei migliori marchi presenti sul mercato.

La scelta di questo elettrodomestico deve essere basata anche sulla grandezza della casa o ambiente in cui verrà utilizzato, in modo da decidere un modello con un serbatoio capiente a sufficienza e con una batteria adeguata.

Inoltre esistono varie tipologie di questo elettrodomestico con filtri speciali specie per pollini e allergeni, specifico per persone con tali allergie e bisogna anche tenere conto il tipo di pavimento che si andrà a pulire, in quanto la morbidezza o no delle spazzole cambia a seconda se si tratta di marmo, parquet e via discorrendo.

Come si effettua la manutenzione del robot aspirapolvere

Per una corretta manutenzione, è importante seguirla in modo preciso e frequente in modo da assicurare longevità al robot e la sua massima efficienza quando è in carica.

In primis bisogna svuotare il serbatoio ogni volta al termine del lavoro dell’elettrodomestico e periodicamente, pulirlo con acqua e sapone per evitare un annidarsi di germi o simili; la seconda procedura tassativa è quella di lavare i filtri, in quanto le particelle più sottili si annidano lì, in modo da evitare che rivadano poi nell’aria e sostituirli periodicamente, come scritto sul manuale del modello scelto.

Pulire le spazzole è un altro step importante da eseguire, specie se si nota che il robot si inceppa: ciò significa che vari detriti si sono annidati e bisogna intervenire con una pulizia profonda: stesso discorso per quanto riguarda le ruote, in quanto possono diventare meno efficienti se non vengono pulite regolarmente dai detriti che si possono infilare nel robot.

Altro gesto importante è tenere sempre puliti i sensori, fondamentali per il corretto funzionamento dell’elettrodomestico e va effettuato con un panno bagnato con acqua e sapone, evitando detergenti che possano corrodere il dispositivo.

Ultimo gesto fondamentale è ricaricare le batterie (molti modelli hanno la base madre in cui ritornano e si ricaricano in automatico) e aggiornare il software all’interno della tecnologia interna per avere sempre un corretto funzionamento del proprio robot.

 

 

 

Articoli correlati: