Nonostante gli innumerevoli casi di mala sanità avvenuti nella storia dell’Italia, il sistema sanitario italiano è uno dei migliori al mondo in quanto concede a tutti, indipendentemente dalle condizioni economiche e dal rango sociale, la possibilità di curarsi. Da qualche anno ormai è nato San. Arti., il Fondo di Assistenza Sanitaria per tutti coloro che lavorano nel settore dell’artigianato: oggi vediamo cos’è, il suo funzionamento e i suoi contatti.

Cos’è e cosa prevede

Il 23 Luglio 2012, al fine della realizzazione dell’accordo interconfederale del 21 Settembre 2010, è stato costituito il Fondo di Assistenza Sanitaria per i dipendenti nei settori dell’artigianato. Questo Fondo si rivolge a tutti quei lavoratori dei settori: area meccanica, installazione di impianti, orafi, argentieri ed affini, odontotecnici; chimica; ceramica; legno; alimentare e della panificazione; acconciatura, estetica, tricologia non curativa, tatuaggio, piercing e centri benessere; comunicazione; tessile e moda con contratto indeterminato o determinato (superiore ai 12 mesi) e gli apprendisti. Attraverso questo programma, divenuto obbligatorio per legge a tutte quelle aziende che applicano i CCNL ( Contratti Collettivi Nazionali dell’Artigianato), ogni dipendente ha la possibilità di ricevere sconti o prestazioni gratuite su servizi specialistici: una copertura offerta e gestita dall’ente UniSalute che prevede cure dentistiche ed esami diagnostici gratuiti ed inoltre, in futuro, questo servizio sarà esteso anche ai familiari dei dipendenti. In particolar modo i servizi garantiti sono: sedute di psicoterapia, radiologia, pacchetto maternità, odontoiatria, trattamenti fisioterapici a fini riabilitativi ed i ricoveri presso centri di cura.

Come richiederlo

Per usufruire di questo servizio è necessaria l’iscrizione alla piattaforma del Fondo dove ogni mese l’azienda dovrà versare la quota irrisoria di 10,42€ per ogni dipendente: l’iscrizione è semplice ed intuitiva e deve essere effettuata dal titolare dell’azienda o da un consulente esterno. Successivamente si potranno inserire i nominativi dei dipendenti con CCNL e si proseguirà con il pagamento della prima tassa mensile. L’iscrizione per i titolari sarà a carico degli stessi con una quota annuale di € 295 ciascuno, con un limite di età di 68 anni: l’iscrizione può essere estesa anche ai familiari versando € 110 per i ragazzi da 1 a 14 anni e € 175 per uomini e donne da 15 a 67 anni. Il periodo per cui sono valide le iscrizioni va dal 1° Aprile sino al 15 Dicembre e le agevolazioni partiranno dall’anno successivo. Per qualsiasi informazione il numero di telefono a cui rivolgersi è 06.87678095 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.30) ed inoltre è possibile ricevere assistenza online tramite i social Facebook e Twitter.

Articoli correlati: