study

Con il termine “discalculia” si indica un disturbo neurologico, che genera diverse problematiche con la matematica. Infatti, rientra nell’ampio spettro dei disturbi dell’apprendimento. In genere, la discalculia non emerge nell’immediato. Il bambino, ad esempio, manifesta i primi sintomi a partire dalla terza elementare, quando inizia ad affrontare calcoli matematici più complessi. La discalculia è un disturbo che può essere diagnosticato mediante una serie di test, eseguibili anche online.

Discalculia: caratteristiche del disturbo di apprendimento

La discalculia è un disturbo che genera non pochi problemi, non solo nel bambino ma anche nell’adulto. E’ molto importante precisare che le difficoltà non sono assolutamente attribuibili a dei deficit d’intelligenza. La discalculia è di frequente definita anche dislessia aritmetica, proprio perché si manifesta negli individui che mostrano difficoltà nei calcoli.

L’alterazione alla base della discalculia è di tipo neurologico, per cui è molto difficile riuscire a risolvere il problema in modo completo, sebbene il soggetto affetto possa migliorare la sua situazione. La discalculia investe:

  • La capacità numerica
  • La capacità di quantificare
  • La capacità di eseguire calcoli matematici
  • La capacità di comparare tra loro simboli diversi

E’ chiaro, quindi, che la discalculia segnala un problema complesso, che tuttavia può essere individuato col fine di aiutare i bambini ad affrontare la scuola al meglio.

Discalculia: quali sono i test online che identificano il disturbo

La discalculia può essere diagnosticata mediante una serie di test, pensati appositamente per bambini e adulti. Per sottoporsi a uno di questi, che rilevano in modo attendibile la presenza o meno di tale disturbo, il soggetto può rivolgersi alla rete. Internet, infatti, è un ottimo contenitore di test per la discalculia, eseguibili in pochi minuti e online. Tra i migliori siti per eseguire queste verifiche ci sono: www.cognifit.com , www.genitoriedsa.com , www.dsaok.it.

Tutti i test mirano a verificare la capacità di organizzare, individuare e calcolare. Le domande presuppongono, quindi, i seguenti contenuti:

  • Hai difficoltà di calcolo?
  • Ricordi con difficoltà numeri di telefono o indirizzi?
  • Hai difficoltà nel cronometrare il tempo degli spostamenti?
  • Guardando un orologio analogico, riesci a individuare l’orario facilmente?
  • Hai difficoltà nell’imparare una coreografia?
  • Guidi troppo piano o troppo veloce?
  • Il bambino riesce a memorizzare le tabelline?
  • Riesci ad associare quantità e simboli in modo rapido?
  • Riesci ad allineare le operazioni in modo corretto?
  • Dinanzi a un problema matematico, riesci facilmente a coglierne il senso?

Questi sono solo alcuni esempi delle domande presenti in un test online, per la presenza o meno della discalculia. I testi sono abbastanza attendibili, ma i loro risultati devono essere validati da un parere medico adeguato. Per eseguire i test presenti in rete è necessario avere pochi minuti a disposizione e rispondere con estrema onestà alle domande riportate nei quiz.

La discalculia è un disturbo dell’apprendimento, che genera non pochi problemi agli individui affetti. Sebbene i primi segnali di allarme possano comparire già in età prescolare, è proprio con l’ingresso nel mondo della scuola che i bambini che presentano tale disturbo, manifesteranno le prime grandi difficoltà, non riuscendo a eseguire i calcoli matematici e le comparazioni tra simboli.

Articoli correlati: