Negli ultimi anni più volte si è sentito parlare di diete “low carb” e in particolare di regime alimentare chetogenico. Più che una moda, questa dieta è considerata salutare per l’organismo ed è stata oggetto di trattamenti per patologie come obesità nelle cliniche, fin dagli anni ’20.

Oggi molte persone che si trovano alle prese con qualche chilo di troppo decidono di rivolgersi a un nutrizionista per iniziare un percorso dimagrante e sempre più frequentemente viene consigliata la dieta chetogenica con l’assunzione come supporto alimentare di integratori alimentari. Scopriamo meglio in cosa consiste questo regime alimentare e quali alimenti possono fare bene al nostro organismo.

Che cos’è una dieta chetogenica?

La dieta chetogenica è un piano alimentare a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi, che aiuta a perdere peso, ad aumentare l’apporto di energie e a garantire un buon equilibrio ormonale. Intraprendere un percorso dimagrante è una decisione che va presa con l’aiuto di un esperto, anche se molto spesso sia uomini che donne si affidano a diete fai da te senza ottenere alcun risultato e talvolta peggiorando la situazione.

Quando si segue una dieta chetogenica, l’organismo entra in uno “stato di chetosi”. La fonte da cui potere ottenere energia velocemente, ovvero i carboidrati, viene ridotta e il corpo deve cercare altre fonti di energia. Così facendo il corpo, potrà bruciare più grassi e produrre maggiori quantità di corpi chetonici, delle piccole molecole che forniscono energia.

Per portare il corpo allo stato di chetosi è necessario assumere una buona percentuale di calorie giornaliere dai grassi. In mancanza di zuccheri e di carboidrati a cui fare riferimento, il corpo inizierà a consumare le riserve di grasso, aiutando a favorire la perdita del peso. 

L’importanza di associare integratori come Keto Light Plus

Molti esperti nutrizionisti consigliano ai propri pazienti in associazione al proprio regime alimentare chetogenico l’assunzione di integratori come Keto Light Plus, un innovativo prodotto che sta riscuotendo un buon successo commerciale tra coloro che intraprendono percorsi finalizzati al dimagrimento.

Questo integratore è composto al suo interno da una combinazione di ingredienti naturali, come affermato dall’azienda produttrice sul sito ufficiale del prodotto che sembrano essere in grado di rilasciare notevoli effetti benefici sull’organismo. Per avere maggiori informazioni su keto light plus, coadiuvante al percorso dimagrante, puoi visitare il sito ketolight.biz, all’interno del quale troverai anche il link del sito ufficiale per effettuare l’acquisto.

Cosa mangiare all’interno di un regime chetogenico?

Ciò che contraddistingue la dieta chetogenica da altri regimi alimentari “low carb” è il consumo di grassi maggiore rispetto quello delle proteine. Nella dieta chetogenica, infatti sono previste quantità di proteine pari al 15% del fabbisogno calorico. I carboidrati sono di circa 15-20 gr al giorno. Infatti, quando si parla di regime chetogenico si parla anche di:

  • grassi buoni, contenuti nell’olio di oliva, di cocco, burro “grass fed” (proveniente da animali alimentati con erba), uova pastorizzate, carne “grass fed” (cioè proveniente da animali alimentati con erba), avocado, noci e pesce grasso;
  • alimenti come bacon o salame, carne di scarsa qualità di animali provenienti da allevamenti intensivi, formaggi processati, pesce da allevamento e altri cibi arricchiti di additivi sintetici o di oli vegetali raffinati sono altamente sconsigliati;
  • verdure povere di amido che non devono mancare, in quanto possono fornire all’organismo sostanze indispensabili come vitamine, minerali, fibre e antiossidanti. Quindi, è importante assumere verdure ad ogni pasto. Quelle ricche di amido come patate, barbabietole e zucca invece, sembrano non essere alleate dello stato di chetosi.

Consigli degli esperti

Mangiare la giusta quantità di macronutrienti è importante per assicurarsi che l’organismo entri nello stato di chetosi e che produca la corretta quantità di corpi chetonici, importanti per non arrecare possibili disturbi psicofisici. Un aumento delle proteine potrebbe fare sì che queste vengano trasformate in glucosio e che quindi, possano comprometterne lo stato di chetosi.

Un consiglio che spesso viene suggerito dagli esperti a coloro che seguono questo regime alimentare è il cosiddetto “digiuno intermittente”, poiché il digiuno può avere un impatto positivo sugli ormoni, sulla pressione del sangue, sui livelli di infiammazione e sulla depurazione dell’organismo ma anche sulla dieta chetogenica, dal momento che può aiutare a ridurre il senso di fame.

Assicurati di bere molta acqua e altri liquidi nel corso della giornata, come tisane a base di erbe, succhi di verdure fresche, caffè, tè verde. Utilizza il sale himalayano o il sale marino per avere una corretta dose di potassio, magnesio e altri elettroliti. Gli elettroliti possono aiutare a favorire la digestione, le funzioni muscolari e cellulari, un buon riposo, in modo da garantire energia e buonumore.

Anche se la dieta chetogenica può essere considerata una dieta salutare è sempre consigliato chiedere il parere di un medico e affiancare ai suoi consigli della regolare attività fisica e uno stile di vita sano oltre che equilibrato. Si raccomanda di prestare attenzione nel caso in cui si fosse diabetici, in presenza di particolari disturbi alimentari o patologie, in gravidanza e durante l’allattamento.

Articoli correlati: