Corfù è un’isola meravigliosa situata a nord della Grecia, abbracciata dal Mar Ionio e caratterizzata per una contraddizione naturale incredibile: da un lato le montagne frastagliate e dall’altra le località balneari e la costa. In realtà ha una storia e una cultura veramente importanti, grazie alla sua eredità data dalle conquiste di veneziani, francesi e inglesi. L’isola è un museo a cielo aperto con fortezze, strade medievali e palazzi principeschi. L’ideale per una vacanza che sappia coniugare cultura, arte e ovviamente relax e benessere.

Informazioni pratiche per Corfù

Raggiungere Corfù con un collegamento via mare è la scelta più indicata e talvolta economica. Su https://it.netferry.com/ è possibile prenotare il traghetto di andata e ritorno con partenza dalle principali città. Per muoversi sul posto è possibile noleggiare uno scooter, ideale per muoversi liberamente. Sono tante le strutture dove poter dormire a prezzi anche vantaggiosi, ci sono b&b, hotel e anche gli studios ovvero delle piccole situazioni familiari. Come zona, l’area centrale è Corfù Town, ma chi vuole fare un tour dell’isola e spostarsi può valutare anche Ipsos, Benitses o Paleokastritsa.

Cosa vedere a Corfù

Il centro storico è sicuramente la tappa principale, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 2007 racchiude tutta l’essenza della città con colori e atmosfere pittoriche e molti dettagli che richiamano inevitabilmente la sua storia di contaminazioni culturali. Ha un carattere quasi magico, sembra di vivere in una fiaba mentre si attraversano i quartieri principali e la zona di Campiello. Le stradine sono strette, in marmo, con eleganti scalinate. Mentre si passeggia l’ideale è fermarsi ad ammirare gli scorci naturali che regalano viste mozzafiato sul mare. Le piazze sono molto grandi e rispecchiano ancora lo stile di un’epoca passata. Gli edifici del centro sono elevati e in contrasto con le piccole case della zona medievale. Tra queste è possibile visitare i piccoli localini del quartiere ma anche tutti i monumenti, le fontane, i sentieri. La parte antica di Corfù è Liston che si apre con un enorme portico, qui si trovano tanti caffè e ristorantini locali. L’affaccio è sulla piazza Spianada che un tempo veniva utilizzata per lo stoccaggio delle armi. Una visita meritano anche Palazzo di San Michele e San Giorgio che sono di derivazione inglese. Oggi sono un museo che raccoglie l’arte asiatica. Sulla sommità della città si osserva la Fortezza Vecchia che è a picco sul mare, la Fortezza Nuova invece fu edificata dai veneziani, da ammirare il simbolo del Leone di San Marco all’accesso.

Per coloro che si vogliono divertire, l’ideale sono le aree di Kavos, Dassia o Benites. Queste zone di Corfù sono perfette per i più giovani. In generale tutta la parte costiera è ricca di locali e discoteche dove passare anche a tarda notte. Per gli amanti del mare invece è doveroso fare un tour delle spiagge più belle di tutta la costa come Agios, indicata per le famiglie, Halikounas per coloro che amano l’habitat selvaggio, Kavos per i più giovani con beach bar e feste sulla spiaggia, Sidari una delle più attrezzate e organizzate.

Cosa mangiare a Corfù

Corfù, grazie alla sua posizione privilegiata baciata dal mare e dal sole, ha una gastronomia tipica ricca e variegata pronta ad abbracciare ogni cultura e favorire così ogni palato. Sono tante le specialità tipiche dal gusto prettamente mediterraneo. Tra gli ingredienti più utilizzati vi sono olio, formaggio, miele, yogurt. Uno dei prodotti eccellenti da provare è la salsa tzatziki che viene preparata con lo yogurt, è leggera e ha un gusto inconfondibile e si accompagna benissimo alla pita calda. Da provare anche uno dei piatti più celebri, horiatiki, che è fresco e ideale per l’estate. Si tratta di una pietanza a base di feta, pomodori, olive nere locali, peperoni verdi e cipolla, tutto con olio extravergine d’oliva, sale e origano. Per gli amanti della carne c’è lo stecchino, souvlaki, con carne marinata negli aromi e cotta alla griglia. Una pietanza senza tempo è la moussaka, sformato di carne e melanzane che ricorda molto la tradizione mediterranea. Corfù è famosa anche per il bourdeto che è un pesce tipo scorfano che viene servito in ogni taverna. Immancabile un pasto da strada con il gyros, la pita farcita con carne di maiale e salse. Tra i dolci il più famoso è la baklava che viene preparata con il miele ed è molto gustosa oppure il kataifi ovvero pasta fillo ripiena con noci, cannella e miele.

Articoli correlati: