mac

Se il Mac dovesse iniziare a funzionare lentamente, le motivazioni possono essere molteplici, dalla mancanza di memoria del pc fino a una serie di altre cause che ovviamente bisogna indagare. Comunque, tra le possibile alternative vi è anche quella di alleggerire e velocizzare il Mac ricorrendo alla miglioria delle prestazioni con il sistema operativo OS X 10.10 Yosemite. Vediamo, prima insieme di cosa si tratta e come fare per poter migliorare le prestazione del pc.

OS X 10.10 Yosemite

OS X 10.10 Yosemite è una versione del sistema operativo macOS sviluppato dalla Apple Inc, più leggero e perforante rispetto ai suoi predecessori. Prende il nome dall’omonimo parco californiano ed è precisamente l’undicesima versione. Presentato il 2 giugno 2014 alla WWDC a San Francisco, insieme ad iOS 8, è una versione che, già dallo stesso anno, era disponibile in versione gratuita. Tra le sue funzioni, permette di migliorare anche l’integrazione con iOS. Quindi, se il Mac dovesse risultare particolarmente lento durante le operazioni quotidiane, il problema non è difficile da risolvere. Ecco come fare per velocizzare questo sistema operativo nel caso in cui si presentasse un rallentamento generale del sistema del proprio Mac.

Yosemite ecco come migliorare le prestazioni di questo computer

Vediamo insieme quali passaggi si devono effettuare per migliorare le prestazione del computer con il sistema operativo Yosemite:

  • Disabilitare l’effetto trasparenza: spesso proprio l’abilitazione della trasparenza del menù è una causa di rallentamento del pc. Dunque, per disattivare tale funzione sarà necessario andare su “preferenza di sistema”, poi “accessibilità” e spuntare la casella denominata “Riduci trasparenza”. Sicuramente, così facendo, il sistema sarà più fluido e il miglioramento si noterà sin da subito.
  • Disabilitare il centro notifiche: all’interno del centro notifiche è possibile inserire vari widget (con cui si intende il componente grafico di una interfaccia utente di un programma, per permettere all’utente di interagire con il programma più facilmente). Questi widget, per quanto permettano di reperire informazioni interessanti, occupano parecchia memoria. Per questo è importante ridurli e, se si può, addirittura eliminarli. Come fare? Bisogna entrare al centro notifiche. Per farlo bisogna cliccare sull’icona che si trova nella barra in alto del Mac proprio vicino alla lente di ingrandimento, e, dopodiché, bisognerà scorrere fino a che non compare la dicitura “Modifica”. Cliccare sul pallino rosso che compare per eliminare i widget.  Oppure nel caso in cui ne voleste eliminare solo alcuni, è possibile andare su “Preferenze di Sistema”, poi cliccare su “Estensioni” e, infine, selezionare la data del giorno stesso, così da scegliere quali widget eliminare.
  • Rimuovere dal desktop le applicazioni che non sono necessarie: se non avete intenzione di pulire il vostro schermo, allora potete semplicemente spostare i file in un’unica cartella
  • Disabilitare effetto genio: stesso discorso dell’effetto trasparenza. Può rallentare il Mac e come tale va disabilitato. È sufficiente aprire la finestra “Preferenze di Sistema—Dock” e basterà sostituire alla voce “Contrai le finestra”, l’effetto genio con l’ “Effetto Scala”. Questo cambiamento comporterà alcune piccole modifiche alla parte visive, molte delle quali impercettibili.
  • Controllare spazio attività e memoria: è buona abitudine andare spesso a verificare se tutte le funzioni presenti vengano utilizzate oppure risultino superflue ed eliminabili. Sono proprio quelle che occupano memoria, andando a rallentare il computer. Sarà sufficiente selezionare la funzione e cliccare la x in alto a sinistra per eliminarla.

Articoli correlati: