cibo

Mangiare piace un po’ a tutti: quando vediamo una bella tavola imbandita di tante leccornie, la nostra salivazione comincia ad aumentare e sentiamo un certo languorino allo stomaco. Tuttavia non è bello solamente mangiare ma anche cucinare, si può trovare molto soddisfacente questa attività e anche davvero molto rilassante. Inoltre si possono sperimentare cibi davvero diversi: se andare al ristorante cinese diventa un po’ impeditivo, soprattutto se esso è lontano da noi, darsi alla pratica risulta molto più semplice. Oggi scopriamo una buona ricetta, come cucinare il porridge di quinoa: ecco la ricetta per come farlo e cosa aggiungere.

Non sempre abbiamo voglia di mangiare i piatti tipici della nostra terra: la dieta mediterranea ha davvero tanti piatti, non per altro è una delle principali mete del turismo, ma delle volte si ha bisogno anche di viaggiare con il palato. Il porridge di quinoa è una ricetta davvero molto sfiziosa, oltre che vegana, quindi adatta proprio a tutti. Vediamo subito gli ingredienti.

Ingredienti

Per preparare il porridge di quinoa abbiamo bisogno di: quinoa, uva nera, un po’ di zenzero, scorza di limone, vaniglia, sale, sciroppo di acero, latte di soia, acqua e mandarle. Ovviamente, a seconda delle persone, modulate le dosi. Esistono anche diverse varianti, per i più golosi, anche se quella con il cioccolato.

Preparazione

Il primo passo da fare per preparare il porridge di quinoa è prendere la quinoa e porla in un colino, al fine di sciacquarla: questa operazione risulta necessaria proprio per eliminare il retrogusto amaro, dovuto alle saponine che sono presenti all’interno. A questo punto versate il latte di soia e l’acqua in un pentolino, sino a raggiungere la temperatura di ebollizione; una volta che il composto sta bollendo, mettete anche la quinoa e un filo di sciroppo.

Il composto dovrà cuocere per circa 15-20 minuti e durante la cottura potrete aggiungere anche la scorza di limone o comunque spezie per insaporirlo (lo zenzero). Una volta cotto, è pronto per essere servito.

Cosa aggiungere

Questo piatto può essere presentato in diverse varianti: innanzitutto non è necessario il latte di soia (se non vi piace), potete utilizzare anche il latte di mandorla o quello di riso. Potete aggiungere anche della frutta, come uva, mirtilli o frutti di bosco. Per i più golosi, come anticipato prima, potrete decorarlo anche di scagliette di cioccolato per renderlo più gustoso.

Ma questo non è tutto: se non amate particolarmente la quinoa, potete anche sostituirla con altri cereali, ad esempio il miglio ma anche tanti altri.

 

Articoli correlati: