Il padel è uno sport in continua espansione, sempre più amato e praticato anche in Italia. A confermarlo è proprio una recente analisi che ha messo in mostra come i campi da gioco siano aumentati di ben 8 volte negli ultimi cinque anni. I numeri mostrano inoltre che tra il 2018 e il 2019 l’aumento delle persone che praticano questo sport è stato del 100%, ovvero il numero in un solo anno è letteralmente raddoppiato.

In particolar modo il padel si sta diffondendo a macchia di leopardo in Lombardia, Lazio, Emilia Romagna e Piemonte. Queste Regioni ospitano il maggior numero di strutture per il padel ma molti circoli si stanno creando e attrezzando anche nel resto d’Italia. Significativo è inoltre il fatto che anche il primo trimestre del 2020 abbia fatto segnare una crescita di questo sport, nonostante il lockdown di marzo.

Se questo sport, a volte detto anche paddle, si sta diffondendo così tanto è per il divertimento che è in grado di garantire. A questo è inoltre associato il fatto che imparare a giocare è relativamente semplice, in quanto le regole non sono complesse.

Come iniziare a giocare a padel

L’aspetto in assoluto più importante per chi vuole iniziare a giocare a padel è l’acquisto di una racchetta. Questa dovrà essere non soltanto uno strumento per giocare ma anche e soprattutto la più preziosa alleata durante la partita. Per individuare una racchetta adatta alle proprie circostanze è consigliabile consultare la guida pubblicata su racchettapadel.pro, portale che offre consigli e suggerimenti sulle diverse tipologie di racchette da utilizzare a seconda del proprio livello di preparazione e delle proprie caratteristiche fisiche.

Scegliere una racchetta adatta alle proprie circostanze permette di avere notevoli vantaggi, come:

  • Massima resa nelle performance.
  • Maggior divertimento.
  • Ottima qualità prezzo.
  • Scelta di uno strumento stimolante.
  • Vantaggi in base alle caratteristiche fisiche.

Le racchette comunemente utilizzate nel padel sono simili a quelle da tennis in quanto a materiali, durevolezza e resistenza. Solitamente vengono messe a punto in fibra di vetro, carbonio o kevlar. La forma di una racchetta da padel è però molto differente rispetto a quella da tennis, in quanto si presenta alla vista senza corde ma con dei piccoli fori che spiccano al centro della sua compattezza.

La scelta di una racchetta è, in un certo senso, direttamente collegata con la scelta della propria strategia di gioco. Una buona racchetta può infatti orientare le prestazioni di un giocatore, permettendogli di puntare maggiormente su una determinata strategia di gioco.

Caratteristiche di questo sport

Secondo molti esperti del settore il padel è un punto d’incontro tra il tennis e lo squash, anche se ovviamente i giocatori non hanno la necessità di saper giocare a questi due sport. Le racchette da padel possono essere rotonde, a forma di diamante o a forma di goccia. Una racchetta rotonda si presta maggiormente ad essere utilizzata da un principiante, perché più facile da controllare.

Una racchetta a forma di diamante invece è adatta per giocatori più esperti che vogliono puntare sulla potenza dei propri colpi, mentre la forma a goccia è perfetta per giocatori esperti che sono alla ricerca del giusto compromesso tra potenza, controllabilità e precisione. Su una racchetta incidono poi ovviamente anche il peso, che dipende dai materiali di costruzione, aspetto che incide notevolmente anche sui costi. Ovviamente racchette più leggere risultano più facili da controllare.

Nel padel il campo da gioco ha una forma rettangolare ed è di circa 10 metri di larghezza per 20 metri di lunghezza. Sui lati del campo sono collocate le linee di servizio, mentre al centro si trova ovviamente la rete come nel tennis. Le due metà di campo sono esattamente uguali e simmetriche, andando così a formare un campo di gioco particolarmente stimolante anche sotto il punto delle strategie di gioco.

Articoli correlati: