Calcolo valore immobiliare

Calcolare il valore di un immobile è necessario per stipulare un’idonea compravendita dello stesso o in caso di contenziosi, per esempio, tra ex coniugi. Infatti, a differenza di quanto si potrebbe pensare, la cifra stabilita per la vendita di un determinato immobile non può essere decisa dal proprietario senza aver tenuto conto di alcune precise indicazioni. In particolare, il valore complessivo di un immobile è dato dal costo al mq. Il calcolo del valore immobiliare si fonda su diversi elementi, tra cui:

  • La località in cui è situato: vendere un immobile ubicato in un’area periferica piuttosto che centrale, condiziona il prezzo dello stesso
  • Le condizioni generali dell’immobile: dal punto di vista architettonico e degli interni, lo stato dell’immobile contribuisce a stabilirne il costo
  • Il tipo di immobile: il valore è condizionato dalla tipologia dell’ dell’immobile e dall’uso adibito

Come si calcola il valore di un immobile: tutto ciò che c’è da sapere

Per effettuare il calcolo del valore di un immobile bisogna considerare i parametri stabiliti dall’Agenzia delle Entrate. Infatti, i valori non sono standard ma subiscono variazioni con il trascorrere del tempo. Il sito ufficiale dell’Osservatorio del Mercato degli Immobili racchiude diverse sezioni e informazioni a cui è possibile accedere in modo del tutto libero.

Attraverso la banca dati riportati sul sito ufficiale è possibile stabilire il valore del proprio immobile sia tramite l’inserimento dell’indirizzo in cui è situato, sia selezionando la zona attraverso una mappa multimediale. I dati riportati sul sito subiscono modifiche ogni sei mesi, dunque, trascorso questo periodo sarà necessario rifare un calcolo.

Il calcolo del valore immobiliare è effettuato mediante una precisa stima. Nello specifico, il valore di mercato di un immobile si ottiene moltiplicando la superficie dell’immobile per la quotazione al metro quadro e il coefficiente di merito. In particolare:

  • La superficie dell’immobile è data dalla somma delle diverse aree dell’immobile ed è un valore oggettivo fondamentale. Con questa espressione s’intende sia la superficie coperta, data dai muri perimetrali, sia quella di ornamento, come balconi, giardini, terrazzi
  • La quotazione al metro quadro è stabilita in base alla locazione dell’immobile, ossia alla posizione di riferimento e si basa
  • La presenza di coefficienti di merito, tra cui cantine, soffitte, nonché di ascensori. In quest’ultimo caso, infatti, il valore dell’immobile decresce pian piano che il piano diventa più alto in assenza di un ascensore

Il valore immobiliare di un appartamento è condizionato anche dalle condizioni del palazzo in cui è situato. Un palazzo con più di 40 anni di storia, ad esempio, contribuirà a incrementare il prezzo dell’appartamento se tenuto in ottime condizioni, al contrario, se le condizioni sono fatiscenti, all’appartamento dovrà essere applicato un deprezzamento di circa il 10%.

Anche la presenza di un impianto termico può condizionare il valore di un immobile, che se privo di questo elemento, subirà una perdita del 5% sul suo valore complessivo. Il calcolo del valore immobiliare può sembrare complesso. Per effettuarlo, è possibile prendere in riferimento le banche dati elaborate dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare.

Articoli correlati: