aleandroid chiuso

Il principale store dove scaricare tutto per Android, è ben risaputo che sia il market di Google, ma è altrettanto risaputo che esistono diversi store alternativi presso i quali è possibile scaricare gratuitamente o a pagamento app, effettuando anche gli aggiornamenti.

Sul portale di AleAndroid un anno fa è comparso un messaggio che avvisava dell’imminente chiusura e ringraziava gli utenti per la collaborazione, lasciando un saluto che suonava più come un arrivederci che un addio. La notizia si è subito diffusa nei vari forum degli appassionati di informatica e Android, tanto che ben presto si è scatenata la caccia a quale sito alternativo potere rivolgersi.

È ben noto però, che in termini di sicurezza per la privacy e soprattutto per la totale protezione da virus e malware, il Play Store della Google, sia il migliore sulla piazza.

Struttura del sito Aleandroid

Aleandroid presentava una struttura grafica del tutto simile a quella di un forum. Per accedere alle funzionalità era necessario registrare il proprio dominio e scegliere un account e una password sicuri. Gli utenti, una volta iscritti, potevano scambiare messaggi e immagini con il resto dei presenti, suddivisi in amministratori (con la responsabilità di supervisione dei contenuti pubblicati) e moderatori (con il compito di tenere sotto controllo il forum).

Aleandroid

Alternative valide ad AleAndroid

Esistono sul mercato numerosi store nati come valide alternative al Play Store firmato Google, con lo scopo di andare incontro alle varie esigenze degli utenti, avere prezzi più competitivi per il download di app a pagamento e per ospitare tutti quei contenuti che vìolano la politica adottata dallo store Google. Pertanto possiamo considerare come valide alternative per scaricare ottimi contenuti multimediali, market store come:

  • F-Droid: un market store libero dedicato agli smartphone Android dove è possibile trovare una rivisitazione delle app di Aptoide gratuite e open. Il progetto si alimenta grazie alle donazioni quindi è libero da qualsiasi tipo di pubblicità. Un market sicuro, facile da utilizzare e con una grafica ben curata nei particolari.

Fdroid

  • Aptoide: con una grafica moderna e colorata, simile allo Store di Google, ogni destinatario al suo interno può amministrare il proprio store o canale e assegnare gratuitamente le app. Queste sono tutte sicure, grazie a un sistema che il team ha collaudato appositamente per individuare quelle potenzialmente dannose. Ne esistono tre versioni: Aptoide per smartphone e tablet, Aptoide TV per Smart TV e TV-box, e Aptoide Lite: più leggero rispetto la versione base e progettata per funzionare sui dispositivi più economici.

Aptoide

  • APKUpdater: utilizza gli APK più conosciuti di internet, per garantire il costante aggiornamento delle app dei dispositivi Android. Non appena viene installato sullo smartphone, provvede ad esaminare tutte le applicazioni presenti in memoria per notificare eventuali aggiornamenti disponibili.

  • SlideME: in questo store si trovano solo app di qualità e gli utenti non rischiano di imbattersi in truffe o applicazioni “spazzatura”.

Slideme

  • GetJar: uno store facile e intuitivo da utilizzare nonché uno tra i più forniti sul web. Al suo interno ospita numerose app, anche premium, che è possibile scaricare gratuitamente.

Getjar

  • Uptodown: uno store con una quantità enorme di applicazioni gratuite che non possiede pubblicità e non ha nessun mezzo di pagamento. Tradotto in italiano, è comodo poiché permette di scegliere su quale memoria del dispositivo Android scaricare i file. Le app sono sicure perché controllate da antivirus automaticamente.

Applicazioni dedicate ad Android

Prima di scaricare le applicazioni sul proprio sistema operativo Android è necessario visionare con attenzione le caratteristiche, l’eventuale gratuità del download, i nominativi degli sviluppatori, le modalità di funzionamento e le recensioni pubblicate dagli utenti laddove presenti. Tra le applicazioni più sfruttate e utili si può ricorrere inoltre a Avast Mobile Security, uno degli anti-virus più accreditati per proteggere i dati sensibili presenti sul proprio sistema operativo.

Articoli correlati: