Una delle attività più noiose a cui tutti ci siamo dovuti prestare è proprio lavare i piatti: nessuno ama infilare le mani in una bacinella piena di acqua (magari anche fredda) almeno due volte al giorno così, per eludere la noia, milioni di persone già da diversi anni hanno deciso di comprare una lavastoviglie. Acquistare una lavastoviglie, quindi, è una scelta davvero importante al fine di risparmiare del tempo utile per dedicarsi ad altre attività, tuttavia non tutte sono semplici da utilizzare a causa dei numerosi simboli indecifrabili su di esse: oggi scopriamo insieme come utilizzare al meglio questo strumento e a capire il significato di tutti i simboli.

Lavabile in lavastoviglie

Il primo dei simboli che andiamo a decodificare è quello che indica l‘idoneità dell’oggetto ad essere lavato in lavastoviglie: è un simbolo quadrato con all’interno delle icone di piatti e bicchieri sottoposti ad un getto d’acqua e in rosso c’è una barra obliqua che indica il divieto. In genere questo simbolo è accompagnato dalla frase “Lavabile in lavastoviglie” che sta proprio ad indicare che l’oggetto non verrà danneggiato pur essendo sottoposto a temperature molto alte. Per quanto riguarda la plastica, è consigliato prestare maggiore attenzione in quanto i componenti potrebbero alterarsi: il PET, ad esempio non può essere lavato in lavastoviglie se la temperatura supera i 50 °C. E’ certamente sconsigliato inserire nella lavastoviglie oggetti decorati a mano (in quanto le decorazioni potrebbero mutare colore o rovinarsi), bicchieri di cristallo ( in quanto molto delicati), utensili in legno (in quanto, assorbendo parte dell’acqua, potrebbero deteriorarsi) e l’argento (in quanto tende a macchiarsi).

Simboli per il lavaggio

Sulle varie lavastoviglie, inoltre, sono presenti diversi simboli riguardanti le temperature per ogni lavaggio accompagnate dalle apposite diciture: una con una temperatura inferiore che consente un risparmio notevole di energia ed una a temperatura maggiore che, però, rischia di rovinare i piatti se particolarmente delicate e vi è un consumo maggiore di energia.

Inserimento di sale o brillantante

Per quanto riguarda, invece, l’aggiunta del sale nella lavastoviglie il simbolo è quello di una serpentina che ricorda una S, accompagnato da un segnale acustico oppure, se utilizzate le pastiglie troverete un tasto con scritto tabs. Per garantire brillantezza ai piatti vi è inoltre il simbolo di un sole che indica quando inserire il brillantante.

Prelavaggio

Per indicare il prelavaggio il simbolo da ricercare è quello di un getto d’acqua con le gocce verso il basso.

In ogni caso un consiglio utile da ricordare è che nel caso non doveste riconoscere alcuni dei simboli citati nell’articolo, al fine di non rovinare il pentolame, nel libretto delle istruzioni troverete tutte le informazioni necessarie.

Articoli correlati: