Si tratta di una varietà di tubero originaria del sud America, coltivata precisamente in Cile e Perù. Con un sapore particolare, una consistenza morbida e farinosa, dona con la sua sfumatura violacea, colore e sapore ai piatti.

Di ridotte dimensioni, con una buccia spessa, una forma allungata e una polpa appiccicosa, il suo profumo ricorda le nocciole e il suo sapore dolce, rimanda a quello delle castagne. Contiene numerose vitamine tra cui la vitamina C, ricca di minerali e potassio, è anche un potente antiossidante.

Caratteristiche

Le patate viola hanno le stesse caratteristiche delle patate gialle, sono però più piccole e più farinose. Possiedono questo colore perché contengono un potente antiossidante che combatte l’invecchiamento delle cellule, prevenendo l’insorgenza di malattie degenerative, cancro, ictus e malattie cardiache.

Ricche di sali minerali, in particolare il potassio ottimo per il cuore e i muscoli, sono anche utili per la vista poiché grazie alla loro azione antiossidante combattono l’invecchiamento delle abilità visive. Inoltre, possiedono fibre vegetali e amidi che agiscono direttamente sul benessere dell’intestino, lasciando un senso di sazietà.

Sono indicate per le diete varie, equilibrate e per coloro che vogliono perdere peso poiché hanno un basso apporto calorico. Per mantenere inalterate le sue proprietà nutritive e benefiche, è consigliato conservare le patate in un luogo fresco e asciutto, lontano dai raggi solari per evitare che possano germogliare.

Il consumo di questa varietà non presenta controindicazioni. Particolare attenzione però devono fare coloro che sono intolleranti ai farinacei e coloro ai quali è stata indicata una dieta a basso contenuto glicemico.

Utilizzi in cucina

Possono essere utilizzate in cucina per svariate gustose ricette. Una volta cotta, cambierà il suo colore diventando blu. La prima cosa da fare prima di mangiarle, è togliere la buccia in quanto dura e poco digeribile. Però, se si vuole dare un tocco di colore al piatto, può anche essere cotta nella sua interezza e privata della buccia solo prima di essere consumata.

Si possono cuocere lesse per realizzare purè, vellutate, gnocchi o accompagnare secondi piatti, per dolci, come pancakes, torte dolci, cupcakes, torte rustiche e piatti vegani con l’aggiunta di latte di mandorle, vegetale e frutta secca.

Consigliata è la cottura al forno piuttosto che la frittura, in quando eliminerebbe tutte le proprietà benefiche in esse contenute ed è meglio evitare di cuocerle a vapore. Essendo di consistenza farinosa, per poterla lavorare, è bene unire molta acqua o utilizzare alimenti che facciano da collante come la farina di ceci o la pasta delle patate gialle.

Dove comprare le patate viola

La patata viola è utilizzata da importanti chef e cucine gourmet, pertanto è possibile acquistarne anche in grandi quantitativi online direttamente dalle aziende agricole che le coltivano nel rispetto degli standard qualitativi, con la garanzia di acquistare prodotti di alta qualità e seguendo tutto il processo di lavorazione.

Putroppo non è facile da trovare nel commercio a dettaglio dei supermercati o catene di negozi alimentari. Talvolta si può provare nei mercati rionali, che vendono ortaggi antichi e allo stesso tempo ricercati, oppure nei negozi per alimenti biologici a km zero e per questo motivo, ad un prezzo molto elevato.

Articoli correlati: