Quando si parla di criptovalute, e di utilizzo delle criptovalute nel mercato economico e finanziario globale è facile pensare a Bitcoin. Tuttavia, secondo le ultime statistiche sui dati di utilizzo delle valute digitali, riportate da https://www.lecriptovalute.org, è in realtà la stablecoin Tether (USDT) ad essere la valuta digitale più popolare al mondo – almeno per quanto riguarda il trading. Sebbene fino a poco tempo fa questo onore apparteneva a Bitcoin (BTC), che è ancora oggi di gran lunga la criptovaluta con il maggiore valore di capitalizzazione del Pianeta, in realtà il volume giornaliero di trading di Tether sembra attualmente essere superiore di circa 3,5 miliardi di dollari rispetto a quello di BTC.

Certo, come abbiamo più volte rammentato, Bitcoin rimane ancora oggi la più grande valuta al mondo per valore di mercato, nonché la più costosa, con il prezzo attuale per token che si aggira intorno agli 8.500 dollari. Tuttavia, nei recenti confronti tra i volumi di trading delle criptovalute principali al mondo, le statistiche ci dicono chiaramente che è Tether la criptovaluta più usata – con 20,7 miliardi di dollari di volume di trading giornaliero, contro “soli” 17,2 miliardi di dollari di Bitcoin.

L’occasione è naturalmente ghiotta per poter effettuare alcune precisazioni statistiche in materia, al fine di interpretare meglio questi dati. In primo luogo, bisogna notare che queste cifre cambiano spesso, a seconda di molteplici fattori. Inoltre, le ultime settimane hanno visto una maggiore volatilità dei prezzi di Bitcoin e della maggior parte degli altri altcoin, con un’incrementata aleatorietà di mercato che potrebbe aver spinto alcuni utenti a preferire una moneta “stabile” (poiché ancorata al dollaro) come Tether, godendo dunque della sua maggiore stabilità dei prezzi.

Storicamente, il Tether ha sempre avuto una considerazione minore di Bitcoin sotto molteplici aspetti. Ha una capitalizzazione di mercato molto più piccola e ha un prezzo che dovrebbe essere permanentemente bloccato intorno a 1 dollaro. Nel frattempo, il prezzo di Bitcoin ha compiuto grandi salti in su e in giù, ed è per lo più influenzato dal sentimento del mercato.

Qualcosa è cambiato però dal mese di aprile, quando il volume di trading di Tether ha superato quello di Bitcoin per la prima volta nella sua storia. Da allora, la stablecoin ancorata al dollaro è stata in competizione con la più grande valuta digitale, al fine di aggiudicarsi lo scettro di valuta digitale più negoziata per volumi giornalieri.

Ma per quale motivo Tether, che rivendica anche il ruolo di più grande e più usata stablecoin al mondo, è così utilizzata? La spiegazione è probabilmente solo tecnica: Tether è infatti la criptovaluta utilizzata al posto del dollaro su molti conti degli exchange, soprattutto laddove la legge vieta a tali operatori di tenere conti in valuta statunitense. È anche per questo motivo che USDT è molto popolare in Cina, così come in molti altri Paesi asiatici. Dunque, la notorietà di Tether in termini di volume di trading è più che altro legata a un equivoco, ovvero al suo utilizzo in luogo del dollaro nei depositi “fiat” dei conti degli exchange.

Articoli correlati: