Che cosa si intende per prova dell’addizione? La terminologia rientra all’interno dei calcoli matematici e si dimostra essere una controprova utile alla verifica del risultato finale. Al momento del risultato di un calcolo la prova dell’addizione può, a tutti gli effetti, andare a confermare la somma finale elaborata, oppure ad evidenziare un errore di calcolo.

La prova dell’addizione può essere calcolata senza il supporto di una calcolatrice e si dimostra particolarmente utile per la controprova finale dell’elaborazione di un calcolo matematico. Andiamo ad approfondire insieme tutti gli aspetti alla base della prova dell’addizione nel corso dei paragrafi successivi.

Come funziona la prova dell’addizione

La prova dell’addizione, come accennato nelle righe precedenti, viene utilizzata come controprova di un calcolo matematico al fine di verificare la veridicità del risultato finale. In totale esistono tre modi differenti per verificare il risultato di calcolo, a seconda del calcolo eseguito. Le tre metodologie per la prova dell’addizione comprendono: la prova dell’addizione con la sottrazione; la prova dell’addizione con la proprietà commutativa e la prova dell’addizione con la prova del nove.

Prova dell’addizione con sottrazione

Come si calcola la prova dell’addizione con sottrazione? La sottrazione in matematica rappresenta il calcolo inverso all’addizione, motivo per il quale si devono andare a sottrarre due addendi. Ad esempio si può prendere in considerazione il calcolo: a+b per trovare la c; oppure il calcolo c-a per individuare la b; ma anche c-b per trovare la a.

Prova dell’addizione con proprietà commutativa

Come calcolare invece la prova dell’addizione con proprietà commutativa? In questo caso si deve cambiare l’ordine della somma ottenuta dai due addendi, ottenendo lo stesso risultato. In seguito al calcolo della somma dei due addendi si deve scambiare il posto numerico degli addendi per calcolare nuovamente il risultato.

Il risultato corretto riporterà la stessa somma finale in entrambi i casi. La formula matematica in questo caso prevede a+b per determinare c; oppure b+a per calcolare la somma della c.

Prova dell’addizione con prova del 9

Quando si parla di prova dell’addizione tramite formula del 9 si cerca di capire il risultato scorretto dell’intero calcolo eseguito. Per comprende al meglio tale calcolo è necessario dividere in una tabella la somma delle cifre del primo addendo dalla somma delle cifre del secondo addendo; la somma finale addizionata con i numeri del primo riquadro e la somma del risultato.

A tabella completata si devono visionare i numeri presenti nel riquadro in basso. Nel caso in cui la somma risulti differenti l’intero calcolo risulterà quindi errato e necessiterà di una nuova rivisitazione.

Articoli correlati: