A seguito dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza sono rientrate a tutti gli effetti all’interno della Legge di Bilancio 2019, sotto la necessità di requisiti fondamentali ai fini della presentazione della domanda. Dal 4 febbraio è stato inoltre attivato il sito  www.redditodicittadinanza.gov.it attraverso il quale reperire tutte le informazioni necessarie per la presentazione della domanda del Reddito di Cittadinanza.

Reddito di Cittadinanza: caratteristiche e requisiti

Il Reddito di Cittadinanza potrà essere richiesto a partire dal 6 marzo 2019, destinato ai cittadini italiani o europei o extracomunitari sotto regolare permesso di soggiorno residenti da almeno 10 anni in Italia, presentanti una situazione economica al di sotto della soglia della povertà. Il sussidio sarà erogato dal 1 aprile 2019,  sotto il tetto di una copertura economica pari a 4,68 miliardi. Gli importi del Reddito di Cittadinanza varieranno a seconda dei diversi parametri. Un soggetto unico potrà ricevere fino a 780 euro al mese di sussidio, fino a 1.330 euro al mese per i nuclei famigliari composti da due adulti e un figlio maggiorenne oppure due minorenni.

Il sussidio del Reddito di Cittadinanza avrà una durata pari a diciotto mesi rinnovabili, sotto la necessità di un’immediata disponibilità al lavoro e alla frequentazione di corsi formativi, mentre nell’eventualità dell’incapacità al lavoro si dovrà passare sotto le direttive dei servizi sociali. I requisiti reddituali prevedono un ISEE inferiore a 9.360 euro, un patrimonio immobiliare differente dalla casa di abitazione non superiore ai 30.000 euro, un patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro, in crescita a 2.000 euro per ogni componente parte del nucleo familiare fino ad un massimo di 10.000 euro, oltre 1.000 euro di incrementi per ogni figlio successivo al secondogenito, 5.000 euro per ogni componente presentante disabilità.

Il valore del reddito familiare dovrà risultare inferiore ai 6.000 euro annui, moltiplicato sulla regolamentazione del comma 5 del Decreto pari a 1 per il primo componente del nucleo, a 0,4 per ogni ulteriore componente di maggiore età, a 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino a un massimo di 2,1. Tra gli altri requisiti fondamentali per il Reddito di Cittadinanza non si dovrà risultare intestatari o avere disponibilità di autoveicoli immatricolati nei sei mesi precedenti alla richiesta, non si dovranno possedere autoveicoli con cilindrata superiore a 1.600 cc, motoveicoli con cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei 2 anni precedenti, non risultare intestatari di barche.

Non potranno accedere alla richiesta del Reddito di Cittadinanza i soggetti in stato detentivo per la durata della pena, ricoverati in strutture residenziali a carico dello Stato o altra PA, ricoverati in istituti di cura di lunga degenza, in presenza di stati di disoccupazione per licenziamento volontario.

Articoli correlati: