I borghi italiani conservano una storia ricca di fascino antico e tradizioni, dimostrandosi una delle mete vacanziere più gettonate degli ultimi anni. Oltre alla tranquillità e alla bellezza dei paesaggi i borghi italiani integrano una storia spesso tramandata oralmente dagli abitanti del centro storico, mettendo a disposizione dei turisti una permanenza a tuttotondo dai monumenti, alle Chiese, ai sentieri inesplorati, alla tradizione gastronomica, evidenziando un sapere sia materiale che immateriale.

Borghi italiani: quali visitare, dove si trovano

Un viaggio alla scoperta dei borghi più storici d’Italia può trasformarsi a tutti gli effetti in una forma di turismo sostenibile, arricchendo il bagaglio personale di ogni singolo viaggiatore, soddisfacendo le esigenze di un contatto tra natura, tradizioni e convivialità con le culture presenti sul territorio. L’Italia risulta costellata di borghi antichi da nord a sud, vantando l’imbarazzo della scelta a seconda dei territori. Quali si dimostrano essere i borghi più belli d’Italia?

Tra i borghi d’Italia più affascinanti si trovano Offagna, in provincia di Ancona, un piccolo centro delle Marche con meno di 2 mila abitanti completamente visitabile in una sola giornata soffermandosi ad ammirare l’architettura militare della Rocca, le Chiese, Villa Malacari e Villa Montegallo, comprese le mura merlate. Altro borgo interessante in provincia di Bolzano è rappresentato dal centro storico di Egna con 5 mila abitanti, caratterizzato dalla presenza dei portici antichi, la presenza del museo della Cultura Popolare, il palazzo Zenobio.

Il borgo Ricetto di Candelo, in provincia di Biella, ospita soltanto 100 abitanti al suo interno, meta per i viaggiatori alla ricerca di un rifugio dove potersi rilassare caratterizzato dalla presenza di mura ancora intatte. In provincia di Bari si trova il borgo Locorotondo, un paesino pugliese caratterizzato dai colori bianchi e dalla disposizione circolare, dai vigneti e dai muretti a secco.

Il borgo Fenis, in provincia di Aosta, presenta circa mille abitanti, presentando uno degli edifici meglio conservati del periodo Medioevale, il Castello di Fenis. In provincia di Grosseto si trova invece il borgo Giglio Castello, denominato anche ‘Isola delle Capre’, caratterizzato dalla presenza storica Medioevale delle Chiese, Rocca, la Casamatta. Nella provincia di Rimini si trova il borgo San Leo, caratterizzato da una vallata di boschi e rocce, edifici quali la Pieve e la Cattedrale, la Torre Campanaria di pietra arenaria.

In provincia di Potenza si trova il borgo Viggianello, un caratteristico borgo normanno ricco di costruzioni storiche come il castello svevo i palazzi di origine barocca e settecentesca. Il borgo Cordovado, in provincia di Pordenone, presenta un castello con cinta murarie, il classico ponte levatoio e fossati, seppur semi-distrutto. In provincia di Treviso si trova il borgo Cison di Valmarino all’interno del quale il Castello Brandolini è stato trasformato in un lussuoso hotel.

In provincia de L’Aquila il borgo Scanno vanta una tradizione antica pastorizia, caratterizzato da archi, balconi, palazzi. In provincia di Reggio Calabria si trova il borgo Chianalea di Scilla a picco sul mare, caratterizzato in un tipico borgo di pescatori e dalla presenza del Castello di Ruffo.

Articoli correlati: