Ci sono controlli e riparazioni necessarie che solo un buon meccanico è in grado di fare, ma esiste una manutenzione ordinaria della propria auto che ognuno è chiamato a garantire.  Due sono i controlli fondamentali: tagliando e revisione da effettuare in modo regolare. Alcune case automobilistiche consigliano le scadenze entro cui effettuare il tagliando in base a vari fattori come il motore, le caratteristiche del veicolo e il tipo di alimentazione. In alcuni casi il consiglio è quello di anticiparlo se è previsto un lungo viaggio, in condizioni particolari del terreno, corse in pista o nel caso di trasporto di materiali pesanti.

L’importanza della manutenzione della propria auto

Ogni apparecchiatura ha necessità di manutenzione. La nostra auto, con la quale a volte percorriamo lunghi viaggi, non fa eccezione. Molto spesso tendiamo a considerare la nostra automobile come il nostro corpo a cui non dare eccessive attenzioni se non in caso di malanni. La manutenzione ordinaria è inversamente proporzionale allo stato di rischio della vettura: maggiore è il controllo effettuato, minore sarà il rischio di pericoli e di mal funzionamenti a cui andiamo incontro. Controlli periodici garantiscono inoltre la durata dell’automobile, le prestazioni e aiuta anche a risparmiare. La manutenzione ordinaria, infatti, evita di incorrere in riparazioni costosi e lunghi. La spesa, in alcuni casi, è cinque volte maggiore di quella che si sarebbe sostenuta per un normale controllo. È necessario prendersi cura della propria auto fin da subito per garantire e mantenere l’efficienza più a lungo possibile. Tenendo sotto controllo ogni parte si ha la possibilità di prevenire problematiche varie, garantendone il buon funzionamento e il suo mantenimento.

In cosa consiste la manutenzione dell’auto e come farla al meglio?

Come abbiamo detto i controlli periodici più importanti sono il tagliando e la revisione, necessari per controllare lo stato dell’auto e per garantire le massime performance possibili. Il primo è un controllo periodico che serve a mantenere efficaci le componenti a rischio di deterioramento, ed è un obbligo fin quando la vettura è in garanzia. Il consiglio però è quello di continuare al farlo anche dopo questo termine. Gli interventi chilometrici consigliati per effettuare il tagliando sono specificati sul libretto d’uso e manutenzione della vostra auto.

Durante un tagliando si controllano due componenti importanti dell’auto:

  • Livelli di liquidi: l’olio è un liquido fondamentale per il buon funzionamento del motore e altre componenti della vettura. Va sostituito seguendo scadenze indicate, generalmente dai 15.000 Km ai 30.000 Km percorsi. A volte sono necessari interventi imprevisti, segnalati dall’apposita spia. In altri casi viene segnalato da un’altra spia la necessità di aggiungere liquidi di raffreddamento. Durante un controllo si verificano anche il bisogno di sostituire o integrare i liquidi nel cambio o nel radiatore. L’impianto frenante è anch’esso fornito di liquidi speciali per il suo funzionamento e grazie all’apparecchiatura elettronica si mantiene sotto controllo. In ogni caso è utile verificare che tutti i liquidi hanno un buon livello prima ancora che segnalati dalle apposite spie.
  • Filtri: le indicazioni del cambio filtro (ad esempio del gasolio nelle macchine diesel) cambiano da aiuto ad auto. Generalmente la sostituzione si effettua ogni 30.000 Km percorsi. Buona prassi è far effettuare un controllo al proprio meccanico di fiducia, che verificherà la necessità di una sostituzione anticipata. Un altro filtro da tenere sotto controllo è quello dell’aria che va sostituito una volta o due volte all’anno.

Altri componenti, non meno importanti, da controllare sono:

  • luci
  • Sospensioni
  • Impianto luci
  • Motore
  • Cinghia di trasmissione
  • Scarichi
  • Impianto di condizionamento
  • Filtri antipolline
  • Carrozzeria
  • Pressione gomme e consumo degli pneumatici
  • Batteria auto
  • Pulizie iniettori

Inoltre è consigliato un controllo sulle spazzole dei tergicristalli e il mantenimento di una buona igiene.

A differenza del tagliando, la revisione auto è un monitoraggio che prevede scadenze prestabilite fin tanto che l’auto è in circolazione. La prima revisione è prevista dopo 4 anni dall’immatricolazione della vettura. Successivamente è richiesta ogni 2 anni. Ad eccezione dei veicoli con massa maggiore a 3.5 tonnellate, sottoposti a revisione annuale. In alcuni casi sono previste le revisioni straordinarie richieste dall’Ufficio Dipartimento dei Trasporti Terrestri in seguito ad un incidente.

A chi affidarsi per tagliandi, controlli e riparazioni e revisione? C’è chi ha una certa manualità e giusti attrezzi per pensare a una soluzione fai-da-te. In alternativa si può scegliere fra le concessionarie specializzate (non propriamente economico), recarsi da un meccanico indipendente oppure cercare un’officina più vicina a noi.

La revisione può essere effettuata presso la Motorizzazione Civile o le officine autorizzate dal Ministero dei Trasporti.

Articoli correlati: