Negli ultimi anni il divano è diventato uno degli elementi d’arredo più comprati da chi intende arredare casa, in particolare da chi vuole conferire stile ad un ambiente molto piccolo della casa, senza introdurre troppi elementi, o da chi vuole rendere più accogliente un ambiente di lavoro. È il caso, questo, di tutti coloro che possiedono un’attività propria e che intendono arredare gli spazi condivisi, ad esempio sale d’aspetto o il proprio ufficio, con un bel divano colorato e dei quadri. Dai più semplici e lineari ai più elaborati e “barocchi”, i divani sono da sempre l’elemento d’arredo preferito da tutti, adulti, bambini e anche cani!

Ma come scegliere un buon divano?

Secondo molti un divano artigianale costa, in media, più di un divano prodotto “in serie” dalle grandi catene d’arredamento. In realtà, un divano artigianale costa meno di un divano economico se si valutano i costi nel tempo. Se siete dell’idea di voler buttar via il vostro divano dopo due anni, allora per voi andranno bene anche soluzioni più economiche ma, se non intendete cambiare l’arredamento, o se questo è molto pregiato e volete risaltarlo, vi consigliamo un divano di qualità maggiore che non vi abbandonerà così facilmente.

Osservando i dati sui prezzi nel 2018, un divano con penisola tre posti di fascia economica costa intorno ai 1000/1200 euro e i primi segni di cedimento appaiono intorno ai 7- 8 mesi di vita. Un buon divano artigianale ha un prezzo di circa 3000 euro e mostra usura circa dopo 10 anni. Possiamo concludere che in media un divano di buona qualità mantiene un’efficienza funzionale nel tempo e, nel tempo dunque, anche il costo sarà inferiore.

Per non parlare, poi, dell’aspetto puramente estetico. Un divano artigianale, come quelli proposti da Vama Divani, non è solo uno “strumento di seduta” ma anche e soprattutto un complemento d’arredo in grado di esaltare l’ambiente in cui viene posizionato arricchendolo sotto tutti i punti di vista.

Insomma la differenza tra un divano artigianale e uno commerciale non è solo nella qualità dei materiali e della lavorazione ma anche nella resa a livello di “arredamento”.

Gli aspetti importanti da non sottovalutare nella scelta del divano sono davvero molteplici e, in particolare, sono legati più o meno alle vostre esigenze. La scelta dei materiali, gli stili, le forme e le stoffe sono elementi importanti per avere un divano di ottima qualità. Gli elementi che vi consigliamo di supervisionare prima di comprare un divano per il vostro ufficio sono:

La struttura, da scegliere preferibilmente in materiali nobili.

I tessuti, preferibilmente di alta qualità: questi, infatti, subiscono un primo lavaggio prima di essere applicati al divano, in modo da evitare “sorprese al primo lavaggio”.

I cuscini dovrebbero essere completamente rivoltabili e non foderati. La densità del materiale usato come imbottitura dovrebbe essere omogenea, per garantire una seduta stabile e una giusta postura

Tutti questi aspetti, ovviamente, potrebbero aiutare non solo chi sta acquistando un divano per arredare la propria casa, ma anche tutti quei medici, gli avvocati, i giudici e i liberi professionisti che vogliono mantenere, al meglio, la sala d’attesa del proprio ufficio. È importante rendere accogliente e gradevole un ambiente dove, ogni giorno, entrano moltissime persone e i danni, anche casuali, potrebbero essere molteplici. Lo stesso vale per quei professionisti che vogliono rendere gradevole l’ambiente del proprio ufficio personale, dove i pazienti possono accomodarsi e sentirsi “coccolati” da una comoda seduta.

Articoli correlati: