Johann Caspar Lavater, nato nella città di Zurigo l’11 Novembre 1741 e morto (sempre a Zurigo) il 2 Gennaio 1802, è stato un filosofo, uno scrittore e un teologo svizzero di fede Zwingliana del ‘700. Lavater era un famoso pastore protestante oltre a partecipare in modo attivo alla vita culturale ha intrattenuto, soprattutto grazie ai sui innumerevoli scritti, rapporti per lo più epistolari con tanti grandi pensatori della sua epoca come Immanuel Kant, Johann Georg Hamman, Moses Mendelssohn, Wolfang von Goethe e Friedrich Heinrich Jacobi mentre, nel 1787, si è incontrato molto volte di persona con Franz Anton Mesmer nella città di Zurigo.

Ma qual è la storia di questo teologo svizzero del ‘700? Su quali argomenti si sono concentrati i suoi studi? Scopriamolo insieme in questo articolo.

La storia di Lavater

L’educazione religiosa di Lavater e i relativi studi teologici vennero influenzati dalle letture di Gottfried Leibniz, Jean-Jacques Rousseau e Charles Bonnet che gli diedero il modo di concialiare con armonia, per la prima volta, le tre tendenze fondamentali che caratterizzavano sia il suo spirito sia la sua epoca, ovvero la religiosità pietistica, l’attivismo etico e l’umanesimo platonico-cristiano. Inoltre Joahnn Casper Lavater aveva anche assunto un atteggiamento molto critico sia verso l’ateismo sia il deismo, in quanto cercare di far coincidere con la sua cultura razionale le sue credenze pietristiche l’aveva portato a sviluppare un pensiero che si avvicinava molto a una forma di misticismo.

In un periodo successivo, ovvero più precisamente quando in Svizzera arrivò il regime dei pensatori francesi, Lavater probabilmente turbato proprio da questo fatto si allontanò dall’illuminismo e rafforzò maggiormente le sue tendenze mistiche e forse per questo il teologo è stato anche un membro della Massoneria, affiliandosi alla Stretta Osservanza Templare prendendo il nome d’ordine Ab Esculapio. La vita di Joahnn Casper Lavater è stata spezzata, il 2 Gennaio del 1802, per errore da un colpo di fucile che gli venne sparato dopo che fu nominato Diacono dell’orfanotrifio di Zurigo.

Gli studi sulla fisiognomica effettuati da Lavater

Gli studi sulla fisiognomica effettuati da Joahnn Casper Laveter si rivelarono molto diversi da quelli fatti in precedenza da altri autori, ovvero la fisiognomica studiata dal teologo svizzero presentava una finalità etnologica che metteva in risalto la connotazione sociale e culturale dell’essere umano, dando in questo modo la chiave di lettura che consentiva di far coincidere la bellezza fisica con la morale cristiana. L’idea che aveva Laveter della fisiognomica altro non era che una combinazione di teologia e etnologia, al cui interno era evidente il fatto che si potesse trovare un legame tra la bellezza morale e fisica con il cristianesimo.

Questi studi, tra l’altro famosissimi, sono stati editati nel testo chiamato Von der physiognomik dove inoltre sono anche riportati la collezione di profili realizzata dallo stesso Lavater, che è riuscito a crearli utilizzando delle tecniche pittoriche che consentivano di disegnare in un modo molto pratico e veloce le figure umane.

Articoli correlati: