La Sardegna, grazie ai suoi quasi 200 km di costa che comprendono spiagge, calette nascoste e scogliete, è considerata come una delle isole più belle del Mediterraneo, il suo ricco patrimonio patrimonio naturalistico, naturale e storico rendono l’isola sarda l’ideale meta turistica per effettuare una vacanza.

La Sardegna si può percorrere, grazie alla strada denominata Carlo Felice, in sole cinque ore di macchina da Nord, quindi da Santa Teresa di Galura, a Sud, ovvero la Costa di Chia. Ma quali sono i luoghi più belli e imperdibili da visitare? Quali sono i piatti tipici sardi da assaggiare durante la vacanza?Scopriamolo insieme in questo articolo.

I posti da visitare durante una vacanza in Sardegna

Nella Sardegna centromeridionale si può visitare il parco della Giara di Gesturi, al cui interno si trovano sia la macchia mediterannea sia il bosco  delle querche da sughero e che ospita i Cavallini della Giara, una specie molto rara sia in Europa che in Italia di Cavallini Selvatici. Inoltre in quest’area dell’isola sono presenti degli importanti monumenti archeologici, dichiarati Patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1970, chiamati i Nuraghe di Barumini, delle torre difensive costruite con grossi macigni e a secco e dalla forma a cono che si trovano su tutta l’isola.

Un altro Patrimonio dell’Umanità da visitare è sicuramente L’arcipelago della Maddalena, che è composto da sette isole maggiori le cui acque mediteranee sono limpide e incontaminate. In questo luogo dell’isola sarda si possono effettuare delle escursioni in barca o di una giornata oppure da mezza giornata e in questo modo si possono raggiungere, solo via mare, l’isola di Spargi, oppure l’isola di Budelli famosa per la sua caratteristica spiaggia dalla sabbia rosa, l’isola di S.Maria, l’isola di Caprera dov’è sepolto Giuseppe Garibaldi e l’isola della Maddalena.

Un altro luogo da visitare è la Spiaggia di Chia nella Sardegna del Sud, una delle caratteeistiche del posto è la famosissima omonima torre che è visibile da ogni spiaggia della costa di Chia, che ha una lunghezza di 6 km. In questa zona inoltre si trova la città più antica della Sardegna, ovvero l’Area Archeologica di Nora le cui origini sono puniche.

Nella Sardegna centro orientale troviamo il Golfo di Orosei che deve la sua popolarità soprattutto alle famose Grotte del Blu Marino, la cui particolarità è data dalle stalattiti e dalle stalgmiti che riflettendosi sull’acqua creano un suggestivo e particolare gioco di luci. Inoltre il Golfo è anche particolarmente famoso per le aree archeologiche della zona carsica chiamata dello Supramonte di Serra Orris e Tiscali, oltre che per il Canyon più profondo non solo dell’isola ma anche d’Europa.

Nella zona Sud occidentale dell’isola invece troviamo la città di Alghero che possiede un centro storico in stile gotico che comprende la Chiesa di San Francesco, Palazzo Guillot e la Cattedrale di Santa Maria. Un altro luogo d’interesse presente nella cittadina di Alghero è l’insenatura naturale che si affaccia sul mare denominata Museo del Corallo. Infine in questa parte dell’isola si possono visitare le famose Grotte di Nettuno, scavate dall’acqua dolce per una lunghezza di 6 km si possono raggiungere sia con il traghetto sia salendo la scalinata composta da 600 gradini.

Sempre sulla costa Sud occidentale si può visitare la città di Bosa tra le cui caratteristiche principali troviamo il suo centro storico, dove oltre alle case variopinte sono costruite sui fianchi del colle sorge anche il Castello dei Malaspina, che si può vedere da uno dei trenta ponti più belli d’Italia ovvero dal Ponte Vecchio di Bosa.

Nel cuore della Sardegna, proprio nella zona chiamata Barbagia, nella provincia di Nuoro si può visitare i circa 150 Murales di Orgosolo e il Museo di Mamoiada dove sono esposte le tipiche maschere di carnevale della tradizione sarda.

Infine una visita la merita senz’altro anche il capoluogo sardo, ovvero la città di Cagliari dove sono presenti molti quartieri storici come il Quartiere del Castello, il Quartiere di Villanova, il Quartiere di Stampace e il Quartiere di La Marina. Inoltre nella città di Cagliari è possibile anche visitare sia il Sito Archeologico dell’Anfiteatro romano, sia vari luoghi di interesse culturale come La Basilica di Nostra Signora di Bonaria, la Cattedrale e il Museo Archeologico Naturale. Invece per chi volesse andare al mare potrà visitare la spiaggia del Poetto, la cui lunghezza di 8 km parte dal promotorio denominato La Sella del Diavolo.

I piatti tipici sardi

Tra i piatti tipici a base si carne oltre al famosissimo maialino sardo allo spiedo possiamo trovare anche la pecora e l’agnello, mentre per chi preferisce i primi piatti potrà gustare pietanze come gli spaghetti alla Bottarga, i Culurgiones e i Mallureddus. Chi ama particolarmente i formaggi e i salumi non potrà sicuramente non assaggiare gli antipasti a base di pecorino e salsiccia sardi, magari accompagnando il pasto con i vini tipici della Sardegna, ovvero il Cannonau o il Vermentino. Tra i dolci tipici infine troviamo la Seadas, un dolce fritto che ha la forma di un raviolo ed è ricoperto di mele mentre al suo interno il ripieno e composto dal Pecorino.

Articoli correlati: