Che sia secca o grassa, la tosse negli adulti rappresenta un evento non solo increscioso ma spesso fastidiosissimo e per qualche giorno anche penalizzante. Non parliamo poi dell’effetto, che questo spiacevole ma frequente episodio, opera nei più piccoli. Possiamo solo cercare di ricordare come ci sentivamo noi all’epoca, oppure cercare di capire come si sente un bambino che deve fare i conti con i malanni stagionali.

E’ sempre più importante, al giorno d’oggi, essere a conoscenza delle problematiche che possono colpire i propri figli, per riuscire ad intervenire in maniera rapida ed efficace al fine di debellarne tutte le conseguenze spiacevoli. Per questo motivo, in questo articolo cercheremo di indicare i rimedi naturali più adatti a combattere sia la tosse secca che la tosse grassa nei bambini. Raccomandando sempre un opportuno parere esperto, in caso di persistenza di qualsiasi tipo di tosse, per un periodo superiore alla settimana.

Tosse secca e tosse grassa: quali le cause e quali differenze

La tosse secca, come spiegato sul faropediatrico, è fondamentalmente definita anche “non produttiva” in quanto non è accompagnata dall’espettorato, presente invece in quella grassa. La prima è spesso il sintomo prodromico dei malanni influenzali, ma può anche essere causata da sostanze irritanti, o ancora da situazioni di carattere allergico. Altra causa della tosse secca potrebbe essere anche la mancanza di un’adeguata deumidificazione degli ambienti, o la presenza di un’atmosfera fumosa, motivo per il quale – oltre agli altri evidenti – è bene non fumare in vicinanza dei più piccoli.

Per quanto riguarda invece la tosse grassa, questa è caratterizzata dalla presenza eccessiva di muco, che in tutti gli organismi viene naturalmente prodotto in quantità adeguate, per mantenere una corretta idratazione e che invece in presenza di processi virali o simili, comporta la produzione di una quantità eccessiva dello stesso materiale, ostruendo le vie respiratorie e rendendo la vita difficile per qualche giorno ad adulti e bambini. I rimedi che spesso vengono più utilizzati sono quelli farmacologici. Si ricorre spesso, infatti, a sciroppi, pastiglie, compresse. Nel peggiore dei casi si fa un uso indiscriminato di altri medicinali, tra i quali anche antibiotici, senza prima preventivamente accertarsi di un effettivo processo batteriologico in corso e spesso creando più danni che benefici. Sui piccoli invece si cerca in genere di essere più prudenti. Allora potrebbero tornare utili i famosi rimedi della nonna. Cercheremo di indicare quelli a nostro avviso più efficaci.

Tosse nei bambini: quali rimedi naturali possono sostituire quelli più aggressivi?

Anzitutto, è opportuno adottare degli accorgimenti di condotta: è fondamentale l’idratazione, quindi fare bere molto il bambino, questo sembrerebbe utile soprattutto per la tosse secca, in realtà è utilissimo principalmente per quella con espettorato, in quanto favorisce la fluidificazione. Altrettanto importante è areare spesso gli ambienti, per permettere un adeguato ricambio nelle stanze. Fondamentale è mantenere temperature stabili all’interno degli ambienti, né troppo fredde né troppo calde, per evitare il favorire di fenomeni patologici o un peggioramento di quelli in corso. Può essere utilizzata una soluzione fisiologica per effettuare dei lavaggi anche 4-5 volte al giorno, sia per il nasino che per la gola. Risulta sempre utile l’uso dell’aerosol.

Se il bambino è abbastanza paziente, o si riesce a convincerlo, si può procedere con i suffumigi. Con semplice acqua e bicarbonato, o anche utilizzando delle erbe balsamiche, tra le quali possiamo prendere in considerazione la salvia e la menta. Sempre la natura accorre in aiuto con malva e tiglio in forma di tisana, utile soprattutto in caso di tosse secca. Perché non utilizzare un rimedio, che oltre ad essere una cura, rappresenta sicuramente una scelta piacevolissima per i più piccoli ma non soltanto: una bella cioccolata calda. E, laddove si riesca nel difficile intento, anche un brodo di pollo per cena. Si può inoltre utilizzare uno sciroppo al 100% naturale, come quello alla bava di lumaca, che aiuta sempre la fluidificazione quindi risulta utilissimo nella tosse grassa. O ancora, lo sciroppo di Marrubio, creato con una dose a scelta di miele e un infuso preparato con un cucchiaino di erba di Marrubio.

Laddove non aveste facilità a recuperare questi ingredienti per le più svariate ragioni, potete sempre optare per miele e limone da poter conservare in frigo, pronto all’uso, più volte al giorno.

Articoli correlati: