Il nastro da imballaggio consiste in un prodotto che viene utilizzato per le varie tipologie di imballaggio delle quali si può avere bisogno. Molti pensano che un nastro valga l’altro, ossia che si tratti di prodotti “tutti uguali”, ma chi si occupa di imballaggi per professione sa benissimo che non è così.

Quando si devono nastrare prodotti destinati ad un trasloco o, comunque, prodotti che devono subire degli spostamenti è fondamentale scegliere il nastro più adatto alle specifiche esigenze per evitare costose rotture. Vediamo, nel dettaglio, come scegliere il nastro da imballaggio e quali sono i migliori prodotti sul mercato.

Chiamato anche scotch da imballo o anche nastro da pacchi, ne esistono di diverse tipologie a seconda delle esigenze, anche professionali, che si abbiano.

Oltre a queste tipologie di nastri che PoliPlast descrive e mette a disposizione dei clienti, è anche possibile avere altre informazioni su altri tipi di nastri come per esempio i nastri biadesivi, i nastri in carta utilizzati per le carrozzerie, ed i nastri rinforzati.

Ecco alcune delle tipologie più diffuse di nastro da imballaggio che PoliPlast, vero esperto nel settore, mette a vostra disposizione:

  • Nastro Adesivo in polipropilene. Si tratta di un nastro da imballaggio abbastanza diffuso e ricercato soprattutto da chi stia cercando un prodotto ecologico. Infatti questo tipo di nastro da imballaggio è un prodotto connotato da un collante acrilico con base di acqua. Si tratta di una buona soluzione per l’imballaggio di cartoni, con la specificazione che può lasciare delle tracce di colla sulla superficie. Silenzioso quando srotolato, è connotato da una buona resistenza ai solventi, ma non resiste troppo alle basse temperature e lascia residui collosi.
  • Nastro adesivo in PVC Solvente; si tratta di un tipo di nastro da imballaggio connotato da una certa resistenza, in quanto può imballare ogni tipo di materiale, non solamente plastica e cartone, ma anche vetro e legno. Questo tipo di nastro non lascia quegli sgradevoli e fastidiosi residui collosi sulla superficie, e data la sua resistenza, si tratta di un tipo di nastro da imballaggio che PoliPlast consiglia soprattutto a chi abbia bisogno di imballare pacchi pesanti che siano sottoposti ad agenti atmosferici, compresa anche la pioggia. Questo tipo di nastro da imballaggio è molto resistente all’umido, ed inoltre è particolarmente silenzioso quando viene srotolato.
  • Nastro adesivo PPL solvete. Consiste in un nastro da imballaggio connotato da un buon rapporto qualità prezzo. Molto resistente e buon adesivo, può essere utilizzato anche nelle cantine e nei magazzini freddi, in quanto mantiene le sue caratteristiche di resistenza anche quando sottoposto a delle temperature molto basse. Si tratta del nastro da imballaggio ideale nel lungo periodo, resistente alle temperature, abbastanza economico in rapporto alla qualità.
  • Nastro adesivo PPL Holt Melt. Consiste nel nastro da imballaggio più indicato quando si devono imballare dei grossi volumi. Connotato da morbidezza, è ideale per le nastratrici automatiche.

A questo punto dovresti avere le idee più chiare su quale soluzione scegliere per il tuo prossimo trasloco!

Articoli correlati: