Se si vuole chiedere il prestito per comprare un auto, in molti si domandano se è meglio rivolgersi in concessionaria o in finanziaria. Per decidere, è meglio conoscere tutte le possibilità di finanziamento e valutare le proprie disponibilità. I prestiti auto, in linea generale, coprono circa l’80-85% del valore della vettura, con un importo erogabile che varia dai 30.000 ai 35.000 euro.

Il prestito finalizzato in concessionaria

Il finanziamento stipulato da una concessionaria è un prestito finalizzato, a un tasso di interesse fisso. Solitamente prevede un piano di ammortamento a rate predeterminato dalla concessionaria che lo rilascia, che di solito può durare da un minimo di sei mesi a un massimo di cinque anni.

Questa pratica viene sbrigata direttamente dal rivenditore, e nel contratto di prestito, separato da quello di acquisto, viene indicato l’importo finanziato, nonché gli estremi della vettura, comprendendo un documento che ne provi l’acquisto. Questo prestito può essere concesso ai maggiorenni che non hanno precedenti di cattivo pagamento, con una situazione di reddito sostenibile e che offrano le garanzie richieste dalla banca.

Il prestito personale in finanziaria

Il prestito personale viene concesso presso un istituto di credito, scelto dal cliente, che ha una procedura diversa e più flessibile. Il denaro viene accreditato direttamente sul conto corrente dell’interessato, ma presenta lo svantaggio di avere tassi di interesse più altri, in quanto esistono diverse forme di garanzia alla banca.

Nel caso che il prestito sia stipulato per l’acquisto di un’auto usata, la somma massima erogabile è stabilita dai listini di valutazione Eurotax, e la durata del finanziamento è inferiore rispetto a quello di un’autovettura nuova.

Un prestito per l’acquisto di un auto senza busta paga

C’è chi si domanda se è possibile richiedere un prestito per l’acquisto dell’auto senza una busta paga, ovvero senza un documento di reddito.

Per farlo bisogna presentare altri documenti o delle garanzie, come:

  • la dichiarazione di reddito per professionisti o lavoratori autonomi;
  • reddito dimostrabile certificato dal CUD;
  • un estratto conto che attesta dei versamenti regolari sul conto corrente;
  • un’entrata mensile tramite un canone di affitto;
  • un garante con un contratto di lavoro a tempo indeterminato;
  • un bene immobiliare da poter ipotecare.

In pratica, per ottenere un prestito per comprare un auto, servono delle garanzie o delle fonti di reddito. Tra le altre opzioni, oltre all’acquisto, si può provare con il noleggio, il leasing o il car sharing. La durata dell’affitto di un auto, può arrivare fino a cinque anni.

Articoli correlati: